Archivio

Archivio per la categoria ‘Società’

Equilibrio instabile

8 Marzo 2011 71 commenti

Mi si chiede di scrivere. Mi si chiede di arieggiare questa stanza dove da tempo non spalanco le finestre. In effetti fuori e dentro questo spazio c’è sempre la stessa aria che si respirava mesi fa.

E’ strano come tutto vada  avanti ad una velocità supersonica e tutto rimanga esattamente uguale a com’era.

Il maglione che avevo deciso di farmi  è ancora lì, manca poco a terminarlo ma è stato abbandonato!

lavoro

I libri iniziati sul comodino, vengono rimossi per togliere la polvere che vi si deposita sopra ma nessun invito ad aprirli  giunge da essi!

libri

Sono costantemente in equilibrio precario su un’immaginaria corda,  con pesi sempre nuovi che mi sbilanciano rendendo difficoltosa l’impresa di trovare stabilità.

equilibrio

Un senso di devastante precarietà   mi pervade e soffoca ogni mio anelito. Su tutto un senso di abbandono lacerante, una solitudine che graffia l’anima e i sensi. Un delirio costante e frustrante di cattivi pensieri. Una ricerca vana di un perchè, di un anelito di pace dopo tanto faticare. Mi guardo allo specchio e non mi riconosco. Mi guardo dentro  e ardo di rabbia non più celata. Senza più freni inibitori vomito parole e assisto allo stupore che suscitano negli altri. Uno stupore che ammutolisce e che non paga il conto che gli sto presentando. E’ come se ,tutte le mie parole inzuppate di rancore che chiedono risposte ,riempissero le teste vuote dei miei interlocutori e dalle stesse uscissero senza darmi modo di capire quali son rimaste dentro. Come prendere una bottiglia d’acqua e una di vino…e provare a riempirne una terza senza fermarsi anche quando si è arrivati al bordo. Il liquido in eccesso fuoriesce, ma cosa sarà rimasto dentro? Resterà più vino o più acqua? Quali dei concetti espressi  tra i tanti,restano nelle  teste altrui e attecchiscono e danno un frutto?

Tutto avviene così velocemente che mancano terribilmente i tempi di sedimentazione, di elaborazione, di comprensione. E’ un vortice che scuote, è un ciclone che ti avvolge e ti sbatte ovunque lasciandoti esausta  incapace di capire e capirti in  un mondo divenuto estraneo! Niente sembra essere più al suo posto, niente sembra assolvere alla funzione per la quale è stato creato e non ci sono più certezze alle quali aggrapparsi.

estintoreCosa ci fa un estintore a bloccare la porta di un’unità coronica? Il suo posto non è lì ! Non è stato creato per quello. E’ tutto così grottesco ! No, nulla è più al suo posto! Si vive precariamente pervasi da un  costante senso di minaccia, nell’attesa che qualcosa di brutto, di tremendo accada!

La diagnosi è la paura! Paura di tutto: di perdere la salute, di perdere il lavoro, di perdere LA PACE, di perdere LA SPERANZA.

Per la cura, bisogna attendere!

“IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA”

Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole;

più comodità, ma meno tempo;

più lauree, ma meno buon senso;

più conoscenza, ma meno giudizio;

più esperti, ma più problemi;

più medicine, ma meno salute;

Abbiamo fatto tutta la strada fino alla luna e indietro, ma abbiamo problemi ad attraversare la strada per incontrare il nuovo vicino.

Costruiamo più computer per contenere più informazioni e produrre più copie che mai, ma abbiamo meno comunicazione;

Siamo migliorati sulla quantità, ma peggiorati sulla qualità.

Questi sono i tempi dei fast-food e della digestione lenta;

Grandi uomini, ma piccoli caratteri;

Profitti veloci, ma relazioni di poco valore.

E’ un tempo in cui c’è molto fuori dalla finestra, ma poco nella stanza.

Tenzin Gyatso, 14° Dalai Lama.

Categorie:Argomenti vari, Società Tag:

E’ giunta l’ora…

30 Dicembre 2010 57 commenti

l'ora

( Caro Paolo, grazie a te…al tuo affetto e alla tua generosità…posso guardar l’ora e dire che : ” è giunta!” :  )

Già, è giunta l’ora di chiudere la porta al 2010!

E’ giunta l’ora di fare gli auguri…ma io non sono mai stata particolarmente brava ad adempiere a questi rituali!

Non amo fare bilanci a consuntivo, nè di previsione: troppe le variabili che influiscono e modificano i nostri progetti.

La verità quasi inconfessabile è che l’inizio di un nuovo anno, invece di suscitare   entusiasmo e aspettativa, provoca in me parecchia PAURA. E’ come affacciarsi in un pozzo, sapere che qualcosa in fondo c’è, ma riuscire a vedere solo il buio.

Son felice che questo anno ci stia lasciando, son  felice di averlo superato, son felice di essermi piegata tante volte, di esser stata sul punto di spezzarmi…ma di esser sempre riuscita, seppur con grandissimo sacrificio a risollevarmi.

Ripeto…non son brava a far gli auguri…ma spero per tutti noi, per tutti voi cari frequentatori di questa gabbia, che l’anno che sta per iniziare ci ritrovi ancora e sempre “vicini”, a darci forza…a farci sentire l’orgoglio di essere persone di cuore, dignitose e forti…nonostante tutto e tutti !

...”Piange ciò che muta, anche
per farsi migliore. La luce
del futuro non cessa un solo istante
di ferirci: è qui, che brucia
in ogni nostro atto quotidiano,
angoscia anche nella fiducia
che ci dà vita, nell’impeto gobettiano
verso questi operai, che muti innalzano,
nel rione dell’altro fronte umano,
il loro rosso straccio di speranza…”

( P.P.Pasolini)

:-)

Categorie:Argomenti vari, Società Tag:

STORIA DI UNA RANOCCHIA

21 Ottobre 2010 59 commenti

Dall’allegoria della Caverna di Platone a Matrix, passando per le favole di La Fontaine, il linguaggio simbolico è un mezzo privilegiato per indurre alla riflessione e trasmettere delle idee.
Oliver Clerc, scrittore e filosofo, in questo suo breve racconto, attraverso la metafora, mette in evidenza le funeste conseguenze della non coscienza del cambiamento, che infetta la nostra salute, le nostre relazioni, l’evoluzione sociale e l’ambiente.

Un condensato di vita e di saggezza che ciascuno potrà piantare nel proprio giardino per goderne i frutti.

LA RANOCCHIA CHE NON SAPEVA DI ESSERE COTTA:

“Immaginate una pentola piena d’acqua fredda in cui nuota tranquillamente una piccola ranocchia.
Un piccolo fuoco è acceso sotto la pentola e l’acqua si riscalda molto lentamente. L’acqua piano piano diventa tiepida e la ranocchia, trovando ciò piuttosto gradevole, continua a nuotare. La temperatura dell’acqua continua a salire.
Ora l’acqua è calda, più di quanto la ranocchia possa apprezzare, si sente un pò affaticata, ma ciò nonostante non si spaventa. Ora l’acqua è veramente calda e la ranocchia comincia a trovare ciò sgradevole, ma è molto indebolita, allora sopporta e non fa nulla.
La temperatura continua a salire, fino a quando la ranocchia finisce semplicemente per cuocere e morire. Se la stessa ranocchia fosse stata buttata direttamente nell’acqua a 50 gradi, con un colpo di zampe sarebbe immediatamente saltata fuori dalla pentola.
Ciò dimostra che, quando un cambiamento avviene in modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta.
Se guardiamo ciò che succede nella nostra società da qualche decennio possiamo vedere che stiamo subendo una lenta deriva alla quale ci stiamo abituando. una quantità di cose che avrebbero fatto inorridire 20, 30, o 40 anni fa, sono state poco a poco banalizzate e oggi disturbano appena o lasciano addirittura completamente indifferente la maggior parte delle persone.
Nel nome del progresso, della scienza e del profitto si effettuano continui attacchi alle libertà individuali, alla dignità, all’integrità della natura, alla bellezza e alla gioia di vivere, lentamente ma inesorabilmente, con la costante complicità delle vittime, inconsapevoli o ormai incapaci di difendersi. Le nere previsioni per il nostro futuro, invece di suscitare reazioni e misure preventive, non fanno altro che preparare psicologicamente la gente ad accettare delle condizioni di vita decadenti, anzi drammatiche! Il martellamento continuo da parte dei media satura i cervelli che non sono più in grado di distinguere le cose…
Quando ho parlato di queste cose per la prima volta, era per un domani.. ORA è PER OGGI!!!
Coscienza o cottura, bisogna scegliere!
Allora se non siete, come la ranocchia, già mezzi cotti, date un salutare colpo di zampe, prima che sia troppo tardi.
Siamo già mezzi cotti? O no?”

Olivier Clarc

P.S.  questa storiella me l’hanno inviata via mail confezionata  con power point, accompagnata dalla preghiera di divulgarla.. Per facilitarne la lettura ho preferito postarla così. Mi piacerebbe solo aggiungere che IO NON SONO COTTA…MA SONO DECISAMENTE STANCA E SENZA PIU’ UN BARLUME DI  PAZIENZA!

Categorie:Argomenti vari, Società Tag:

IL PUDORE

9 Ottobre 2010 27 commenti

Rieccola! Pensavo fosse andata via, invece è ricomparsa, -più disinvolta e più puttana che mai- canta Renato Zero. Ieri pioveva e indossavo una felpa, oggi ho di nuovo   il vestito estivo scollato e ho  pensato che l’estate è davvero una  stagione   senza pudore che ci conquista e ci fa somigliare a lei. Ricordo una richiesta che tempo fa mi fece un amico: “Giò – mi disse- parlami del pudore, cos’è per te”? Mi accinsi di buona lena  a farlo, per poi scoprire che non era un’impresa facile e pensai che avrei dovuto rispondere come Sant’Agostino quando, a chi gli domandava cos’era il tempo rispondeva: “ Se nessuno me lo chiede, lo so; se voglio spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so più.”

Già, cos’è il pudore? Forse è più facile dire cosa non è! Si può parlare di esso in riferimento a tanti aspetti del nostro vivere quotidiano:c’è il pudore fisico, che ci impedisce di   spogliarci  e mostrare la nudità del nostro corpo, quel “timore di mostrarsi interamente nudi”! C’è anche un pudore interiore che governa l’approccio nei confronti delle persone con le quali ci confrontiamo giornalmente, e che   determina una minore o maggiore apertura all’esternazione e alla confidenza intima. Per quanto mi riguarda,  è qualcosa che ha radici lontane, che in parte sicuramente mi è stato inculcato dall’educazione impartitami dai miei genitori, incolpevoli insegnanti, rei di avermi trasmesso ciò che, a loro volta è stato insegnato.

E’ comunque un riserbo connaturato, un sentimento di ritrosia per tutto ciò che è urlato, che è esibito sfacciatamente a tutti senza distinzione.  Riserbo da non  confondersi con reticenza; spesso si ha bisogno di tenere chiusi alcuni cassetti del nostro cuore per custodirne gelosamente il contenuto, un contenuto che sentiamo di dover proteggere per tutelare noi stessi e chi amiamo. In un manuale di psicologia lessi che “il bambino è all’inizio un essere amorale  dominato dal piacere e solo gradualmente riuscirà a controllare e reprimere gli istinti, quindi la moralità rappresenta la forma strutturata della repressione… tradizione morale che è trasmessa di padre in figlio”, vien da se che quando non si riesce a dominarsi si commette un  oltraggio al pudore, che è persino un reato. Allora davvero tutto, compreso il pudore, nasce da “quell’albero “ che è la morale dal quale poi tanti rami si estendono, e così come i rami, secondo le stagioni si vestono  o si svestono, anche noi secondo le stagioni della vita  e delle persone con le quali ci relazioniamo indossiamo i nostri vestiti più o meno pesanti. Il pudore è uno dei tanti abiti, a volte scomodo, stretto, castrante…complica ogni cosa: è come essere costretti a sganciare i tanti gancetti di uno stretto bustino  anziché sciogliere un solo fiocco. Il pudore visto come un abito, e nessun abito si tiene   sempre indosso. Per me, il pudore, è sempre stato legato alle mie prime volte, alle seconde, alle terze persino… poi ho iniziato a  svestirmi quasi senza accorgermene con le persone ( solo quelle poche) che hanno meritato stima e il dono di me stessa: corpo e anima.

Chissà qual è il confine tra pudore e vergogna.

Chissà perché ho la sensazione che il pudore  si coniughi o si debba  coniugare più al femminile.

Chissà perché si sta perdendo per strada e nessuno arrossisce più  di fronte  a nulla.

Chissà quando recupereremo in questa società che mostra tutto con protervia e sfacciataggine, un nuovo modo di essere, un maggior pudore: custode imparziale  e silenzioso dell’intimità e della riservatezza di ognuno.

“ Celami in te, dove cose più dolci son celate, fra le radici delle rose e delle spezie”

( Swinburne)

s'archittu 2010

( S’archittu: Estate 2010)

Categorie:Società Tag:

TOLLERANZA ZERO

3 Agosto 2010 82 commenti

PICT5801

Tra le mie  mani racchiudo il passato, il presente e quel che pensavo fosse il futuro. Oggi non ne sono più convinta ! Quando ogni azione, ogni gesto quotidiano di questa vita richiede uno sforzo continuo, una lotta continua, uno scontro ad armi impari con i tuoi interlocutori, finisce che perdi la speranza, finisce che perdi la fede e abbandoni per strada quei progetti che ritenevi importanti e di vitale importanza per te.

Ligabue dice che vivere è un atto di fede, io credo e si consolida sempre più in me la convinzione che vivere sia un atto di coraggio e a questo proposito mi sovviene la massima che scrissi nella mia ultima agenda  dell’ultimo anno di scuola:” in questa vita non è difficile morire, vivere…è di gran lunga più difficile”!

 Ho sperimentato in mesi difficili e complicati come sia pesante gestire il rapporto con i burocrati. Ho sperimentato come ci si senta letteralmente schiacciati da una mole enorme quanto inutile di cavilli che paiono essere stati ideati per soddisfare la brama di “dominio” di taluni piccoli e insignificanti impiegatucci che cercano un riscatto alla loro mediocrità opprimendo gli altri da dietro una scrivania che li vede arrogarsi diritti che non hanno.

Ho deciso che la mia, sarà una tolleranza ZERO!

Scrivo in queste  pagine  virtuali che più o meno tutti stiamo abbandonando per disincanto stanchezza e malumori, per urlare la mia rabbia   e   affermare con maggiore convinzione la mia decisione ad avere tolleranza ZERO:

Verso chi ci governa e finge di non vedere e sentire…

Verso chi cerca di umiliarmi e  tenta di non ascoltare le mie ragioni  perché non vanto conoscenze altolocate…

Verso chi accetta di ricevermi perché ho una bella voce e chissà come è il resto…

Verso tutti quelli che non fanno bene  il loro dovere, fosse anche lo spalatore di cacca…

Verso tutti i cafoni che incontro per strada in questo periodo nei loro ingombranti suv, che credono di essere i padroni del mondo e che mi trovo costretta a fermare di prepotenza per poter passare almeno  nelle strisce pedonali…

Verso quelli che non si fermano agli stop e rischiano di travolgerti…

Verso quelli che scendono dalle loro roulotte e svuotano le loro vesciche gonfie contro i muri delle case…

Verso quelli che circolano praticamente nudi per le strade cittadine esibendo “pacchi“ osceni per grandezza o piccolezza, o seni cadenti e pance e sederi debordanti, cose che in spiaggia non guardi ma se te li ritrovi davanti al banco salumi un po’ di schifo te lo suscitano…

Verso chi non si lava, e ti costringe a subire il loro odore sgradevole…

Verso chi urla al cellulare e ti rende partecipe di cose che non ti interessano e magari è pure favorevole alla legge sulla privacy…

Verso bambini scalmanati e maleducati al pari dei genitori che trattano la cosa altrui come propria…

Verso chi vuole la tua amicizia perché gli fai comodo…

Verso chi dice di amarti e si comporta come il peggiore dei criminali…

Verso chi fa promesse che puntualmente non mantiene…

Verso chi mente…

Verso chi va in chiesa a pregare e pensa di salvare la sua anima dannata senza fare neanche un atto di carità cristiana…

Verso chi non ha la forza di un pensiero più grande e tratta male chiunque…

E potrei continuare all’infinito ma, mi fermo qui!

Mi costerà la vita, ci perderò la salute ma, in mezzo ad una marea di  arroganti  e indolenti e prepotenti e rassegnati più o meni consapevoli, scelgo di pensare…scelgo di lottare…scelgo di orientare le azioni invece di subirle!

 

…Quando inizi a capire
che sei solo e in mutande
quando inizi a capire
che tutto è più grande…

Tra una botta che prendo
e una botta che dò
tra un amico che perdo
e un amico che avrò
che se cado una volta
una volta cadrò
e da terra, da lì m’alzerò…

( F.M.)

Categorie:Argomenti vari, Società Tag:

PASSERA’…

20 Luglio 2010 33 commenti

Gatto1

 

 

 

Stamattina ero persa nei miei pensieri…un pò come il gatto Felix! A sorpresa si è avvicinata una zingara e mi ha detto: ” Sorridi, devi sorridere almeno una volta alla settimana…i pensieri e le preoccupazioni fanno male alla testa e allo stomaco. Tu stai male per colpa degli altri, gli altri ti hanno fatto del male…ma stai tranquilla…tutto si risolverà…non preoccuparti più! Ho fissato  senza parlare quel volto scuro, i suoi tre denti d’oro, il suo sorriso quasi dolce…ho rifiutato la sua richiesta di predirmi il futuro…e nel sorridermi è andata via!

Osservo le barche dei turisti che rientrano dalle gite. La bandiera dei quattro mori svetta sui pennoni…soffia una brezza leggera…si…forse ha ragione lei, tutto si risolve, in un modo o nell’altro!

P.S. Lo so, è un post demenziale, ma quello precedente  era datato…e occorreva cambiar pagina! In tutti i sensi!

Categorie:Società Tag:

SABBIA E MAGIA

27 Novembre 2009 30 commenti

Arnica mi fa ha fatto un regalo!

Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag:

GIURAMENTO DI IPPOCRATE O…

4 Novembre 2009 14 commenti

Annoiata e distratta pigiavo con irritazione sui tasti del telecomando, nella speranza  di scovare qualche programma che risvegliasse  il mio interesse, scuotendomi  da un’ apatia e un’indolenza  soporifere. In quel rapido imperversare  da un canale all’altro la mia attenzione veniva catturata  dalla voce di Anna Valle che citava a memoria alcuni passi del giuramento di Ippocrate.

Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag:

E SE OGGI FOSSE L’ULTIMO…?

1 Ottobre 2009 25 commenti

Tra due ali di folla si fa largo il feretro.

Seguo il corteo  dal lato meno visibile, ma nonostante questo, sento su di me sguardi sorpresi  ed interrogativi. I miei occhi registrano ogni particolare di ciò che incontro per strada. Visi noti e altri sconosciuti  assumono la stessa espressione compassionevole. Come sempre, le saracinesche di bar e negozi  sono abbassate in segno di lutto e rispetto man mano che il feretro avanza. Gli avventori, seduti nei tavolini, scattano in piedi facendosi il segno della croce  mentre  le parole si  spengono loro in bocca. I pochi turisti che attraversano  le strade paesane guardano sbigottiti ciò che accade loro intorno, mentre un bimbo, innocente, ignorando la solennità del momento,indica  la macchina che porta il feretro  urlando: mamma, mamma…guarda!

Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag:

BASTA

18 Settembre 2009 14 commenti

Interrompo il mio silenzio per dire che c’è troppo rumore!

Interrompo il mio silenzio per dire che c’è bisogno di silenzio!

Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag: