Archivio

Archivio Marzo 2011

Equilibrio instabile

8 Marzo 2011 71 commenti

Mi si chiede di scrivere. Mi si chiede di arieggiare questa stanza dove da tempo non spalanco le finestre. In effetti fuori e dentro questo spazio c’è sempre la stessa aria che si respirava mesi fa.

E’ strano come tutto vada  avanti ad una velocità supersonica e tutto rimanga esattamente uguale a com’era.

Il maglione che avevo deciso di farmi  è ancora lì, manca poco a terminarlo ma è stato abbandonato!

lavoro

I libri iniziati sul comodino, vengono rimossi per togliere la polvere che vi si deposita sopra ma nessun invito ad aprirli  giunge da essi!

libri

Sono costantemente in equilibrio precario su un’immaginaria corda,  con pesi sempre nuovi che mi sbilanciano rendendo difficoltosa l’impresa di trovare stabilità.

equilibrio

Un senso di devastante precarietà   mi pervade e soffoca ogni mio anelito. Su tutto un senso di abbandono lacerante, una solitudine che graffia l’anima e i sensi. Un delirio costante e frustrante di cattivi pensieri. Una ricerca vana di un perchè, di un anelito di pace dopo tanto faticare. Mi guardo allo specchio e non mi riconosco. Mi guardo dentro  e ardo di rabbia non più celata. Senza più freni inibitori vomito parole e assisto allo stupore che suscitano negli altri. Uno stupore che ammutolisce e che non paga il conto che gli sto presentando. E’ come se ,tutte le mie parole inzuppate di rancore che chiedono risposte ,riempissero le teste vuote dei miei interlocutori e dalle stesse uscissero senza darmi modo di capire quali son rimaste dentro. Come prendere una bottiglia d’acqua e una di vino…e provare a riempirne una terza senza fermarsi anche quando si è arrivati al bordo. Il liquido in eccesso fuoriesce, ma cosa sarà rimasto dentro? Resterà più vino o più acqua? Quali dei concetti espressi  tra i tanti,restano nelle  teste altrui e attecchiscono e danno un frutto?

Tutto avviene così velocemente che mancano terribilmente i tempi di sedimentazione, di elaborazione, di comprensione. E’ un vortice che scuote, è un ciclone che ti avvolge e ti sbatte ovunque lasciandoti esausta  incapace di capire e capirti in  un mondo divenuto estraneo! Niente sembra essere più al suo posto, niente sembra assolvere alla funzione per la quale è stato creato e non ci sono più certezze alle quali aggrapparsi.

estintoreCosa ci fa un estintore a bloccare la porta di un’unità coronica? Il suo posto non è lì ! Non è stato creato per quello. E’ tutto così grottesco ! No, nulla è più al suo posto! Si vive precariamente pervasi da un  costante senso di minaccia, nell’attesa che qualcosa di brutto, di tremendo accada!

La diagnosi è la paura! Paura di tutto: di perdere la salute, di perdere il lavoro, di perdere LA PACE, di perdere LA SPERANZA.

Per la cura, bisogna attendere!

“IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA”

Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole;

più comodità, ma meno tempo;

più lauree, ma meno buon senso;

più conoscenza, ma meno giudizio;

più esperti, ma più problemi;

più medicine, ma meno salute;

Abbiamo fatto tutta la strada fino alla luna e indietro, ma abbiamo problemi ad attraversare la strada per incontrare il nuovo vicino.

Costruiamo più computer per contenere più informazioni e produrre più copie che mai, ma abbiamo meno comunicazione;

Siamo migliorati sulla quantità, ma peggiorati sulla qualità.

Questi sono i tempi dei fast-food e della digestione lenta;

Grandi uomini, ma piccoli caratteri;

Profitti veloci, ma relazioni di poco valore.

E’ un tempo in cui c’è molto fuori dalla finestra, ma poco nella stanza.

Tenzin Gyatso, 14° Dalai Lama.

Categorie:Argomenti vari, Società Tag: